Bitcoin Rips ha superato i 18.000 dollari per la prima volta dal picco del 18 dicembre 2017

Con gli acquirenti che si affollano mentre non c’è bitcoin disponibile, il prezzo sta esplodendo. Un’altra mossa del 10% ci vedrà raggiungere i 20.000 dollari.

Il Bitcoin ha raggiunto l’ennesimo nuovo massimo del 2020.

Siamo finalmente entrati in un periodo in cui il Bitcoin sta superando un nuovo livello e sta raggiungendo un nuovo massimo ogni due giorni.

Lunedì abbiamo superato i 16.000 dollari, e il giorno dopo ne abbiamo rotti 17.000, e prima ancora che la giornata fosse finita per alcuni, eravamo sopra i 18.000 dollari.

Ora, siamo a pochi centimetri dal raggiungere il massimo storico di 20.000 dollari.

Negli ultimi tre giorni, dopo che l’asset digitale è sceso a 15.700 dollari di domenica, BTC/USD è aumentato del 17,5% in valore, arrivando a 18.450 dollari, un livello che abbiamo visto il 18 dicembre 2017, con più di 6 miliardi di dollari in volume „reale“.

Con la recente mossa, anche le citazioni di Twitter sul principale asset digitale sono aumentate fino all’inizio del 2018, finalmente.

Inoltre, questo mese, Bitcoin sta raggiungendo una media di oltre 1 milione di indirizzi attivi giornalieri, raggiungendo il massimo storico di 1,29 milioni di indirizzi nel dicembre 2017.

Classico Liquidity Crunch, baby!

Bitcoin ha rotto i nuovi livelli ieri a volume leggero, ma ben presto è stato in grado di aumentare la velocità mentre continuavamo a strappare sempre più in alto, in attesa della fine di novembre ad un nuovo picco.

„Bitcoin sta frantumando ogni resistenza sui tempi giornalieri ed elevati. Con una chiusura superiore a 17.150 dollari, la prossima grande resistenza giornaliera/settimanale si attesterebbe tra i 18.953 e i 19.187 dollari“, ha dichiarato il trader Josh Roger.

E anche se è da molto tempo che siamo in attesa di un ritiro, non sembra che ci sia una correzione in arrivo.

„I fondamentali sono saldamente sotto controllo in questo momento, dato che sempre più grandi operatori stanno entrando in questo piccolo mercato“, ha osservato l’analista Mati Greenspan.

„Abbiamo visto questa dinamica giocare nel 2017 con il mercato retail. Quando tutti comprano e nessuno vende, non ci vuole molto volume per spingere il prezzo più alto“. Quando non c’è bitcoin disponibile, gli acquirenti sono costretti ad aumentare continuamente il prezzo fino a quando l’ordine non viene evaso. è una classica crisi di liquidità“, ha scritto nella sua newsletter quotidiana Quantum Economics.

Questo ha senso, dato che tutta l’attenzione che il fiore all’occhiello della crittovaluta ha ricevuto da figure di alto profilo come Paul Tudor Jones, Anthony Scaramucci, Ricardo Salinas Pliego e Bill Miller, e naturalmente Visa, MasterCard, Paypal e Square – tutti sul lato degli acquisti.